Blog: http://topgonzo.ilcannocchiale.it

QUANDO IL SIG. TRAIN

perde la pazienza, non resta che toccarsi i coglioni.

14 Ottobre 2009 a 4:13 pm  red. cac.  

Beh, se Lei, sig. frap, mi fa le pulci in questo modo, d’accordo, mi dichiaro vinto, ma continuerò a citare il sig. Train, che tra l’altro è autore di pregevoli aforismi che forse Lei e la sig.na Galatea non vi siete mai dati la pena di leggere. Male, malissimo.
Comunque, errata corrigo: “A meno che Lei, sig.ra Galatea, non invii un poster che La ritragga in bikini, con dedica e in forma personale a
sig.Train@ticali.it, e il summenzionato ne postI – gravissimo il precedente indicativo, peggio di una di quelle voci dette dal sen fuggite del sig. Train; in tal caso giuro che…” 

Ma Lei, sig.ra Galatea, non può dire “non ne vale la pena” quando trattasi di una resurrezion della carne del sig. Train dovuta a soggetto non farlocco. Per l’evento, si giubilerebbe all’Asinara.

p.s. chi sarebbe la "umile" profe di italiano? Io di umile conosco solo... è ovvio, il sig. Train!   

14 Ottobre 2009 a 5:04 pm  ilmondodigalatea ...

14 Ottobre 2009 a 5:53 pm frap1964

@red. cac.

Un certo Corogna Fabrizio mi informa che una tal Galatea sarebbe stata furtivamente ritratta in bikini su uno scoglio non meglio identificato delle isole pontine, nel corso dell’ultima estate. Relata refero, come direbbe Lei.

14 Ottobre 2009 a 6:17 pm  ilmondodigalatea ...

 14 Ottobre 2009 a 9:24 pm  jazztrain1  

Galatea, come lo sopporti questo imbecille di red.cac.?

16 Ottobre 2009 a 2:35 pm red. cac.  

Sig. Train, come Noi della redazione non solo abbiamo sopportato, ma riqualificato e valorizzato un idiota come Lei? Magari Galatea riuscisse a fare lo stesso con noi!

16 Ottobre 2009 a 2:44 pm  jazztrain1  

Lei è un totale imbecille. Nessuno l’ha cercata, nessuno ha voluto discutere con lei, nessuno vuole aver a che fare con lei.
Lei è solo un megalomane malato, un insopportabile e inutile saccente, un vecchio porco assatanato.
Lei morirà solo, povero, pazzo e disprezzato da tutti.

16 Ottobre 2009 a 8:28 pm red. cac.  

Ma che dice, sig. Train? Non è Lei che si era procurato il mio numero di telefono, e che mi ha costretto a sbraitare più volte, perché la smettesse? Non è Lei che è arrivato al punto di farsi beccare il numero di cellulare, tanto che, quando in un caldo pomeriggio di agosto volle rompere i coglioni per l’ennesima volta, si sentì rispondere da una di quelle che crede ch’io chiami badanti con disprezzo – anche questo, da fesso impareggiabile – mentre s’era intenti a qualcosa che Lei tenta di scimmiottare con le Sue fidanzate? Non è forse Lei che ha smesso di disturbarmi a casa ben 5 anni dopo il primo scambio di -si fa per dire – idee?
Faccia il favore, mentecatto… e se ancora non avesse provveduto, cambi quel numero di cellulare vodafone terminante in 1.

16 Ottobre 2009 a 9:24 sig. Train

......PS. Non sono un alias di Red Cac, ma ci gioco il testicolo sinistro che Jazztrain è il suo Mr. Hyde

16 Ottobre 2009 a 11:12 pm red. cac.

Eccolo, eccolo! Vede, sig.na Galatea perché il mio soggiorno dura? Se il Train non va alla redazione, ma soltanto guata, qualche redattore viene qui a scovarlo. Dice che assomiglio a Villaggio? Beh, l’importante è non assomigliare a Lei. 

p.s. Si è lavato le mani prima di lavorar di falangi qui in casa di Galatea? C'era qualcosa di biancastro sul tappeto, poco fa. 

16 Ottobre 2009 a 11:17 pm red. cac..  “Io rappresenterei l’ignoranza, mentre tu rappresentesti lo snobismo autoreferenziale, borioso e sprezzante. e che siamo incastonati (sic!) nella realtà di una istituzione come la scuola che dovrebbe fondarsi su altri archetipi!” Così scrisse il sig. Train.

Poi però, tout à coup, il sig. Train si fa incerto. Proseguire sulla strada delle maledizioni o dar prova dell'abilità, e della tenace e veramente somara pazienza con cui sa compulsare google, che ha ormai sostituito il vecchio calepino? Non si sa; ma, googla che ti googla, il sig. Train s'imbatte in un tesoro, e non esista a mettercelo sotto gli occhi, dando dimostrazione dei suoi poteri.

16 Ottobre 2009 a 11:17 pm  sig. Train Al fratello scemo di Villaggio, però ho una sorpresa per lei da parte di una sua ammiratrice che è stata sua ex alunna.
A PROPOSITO DI G. DA GIOVANE …
F. G. da giovane ( e ancora adesso è, proporzoipnato all”età) era bellissimo, progressista, intelligente e aperto…
Aveva un sorriso “epico” e appoggiato alla cattedra, inpiedi, con le vaviglie incorciate, ci ammaliava e faceva sognare (non tutte, solo qualcuna..) Le sue lezioni erano brillanti e avvincenti, e non faceva fatica ad essere amato da noi tutti. (maturità 1978, III G)

16 Ottobre 2009 a 11:17 pm red. cac.  Beh, ringrazi la mia ex alunna. Veda se per caso, usando adeguatamente il mio buon nome, riesce a farsi dare il numero di telefono. IIIG? Non sapevo di avere ammiratrici anche in IIIG.
Spulci, spulci.

16 Ottobre 2009 a 11.42 pm sig. Train  Diplomata nel 1978, ho trovata un’altra ex alunna che dà questa definizione di lei. Ovviamente per tutela della privacy non metto né il suo nome, né il suo cognome.

G. (che arebbe lei) da giovane??? Polemico! Anzi polemicissimo! E dato che invecchiando si peggiora :-))) 

Pubblicato il 16/10/2009 alle 21.34 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web